Sprechi monumentali


Lo scorso giugno percorrendo in macchina la strada che collega Oukame con Les Alamadies (due quartieri di Dakar) una misteriosa impalcatura svettava in cima ad una collina di fronte al faro di Dakar. A pi? riprese avevo chiesto in giro cosa stavano costruendo collezionando le risposte disparate: alcuni dicevano una moschea, altri un villaggio turistico, alcuni pi? ironici un altro faro.

Appena arrivato ho scoperto il mistero. Va detto che per scoprirlo ? bastato guardare la collina da parecchi chilometri di distanza. Al prezzo dichiarato alla stampa di appena 12 miliardi di franchi cfa (18.320.610,7 euro) il Senegal si ? dotato di un impareggiabile, enorme monumento al “rinascimento africano”. Una statua gigantesca di 50 metri che raffigura un uomo muscoloso che indossa uno straccio intorno alle reni, mentre esce da un vulcano tenendo nella mano sinistra un bambino e nella destra una donna. Per costruirla pare abbiano ingaggiato operai e tecnici nordcoreani e infatti vista da vicino si pu? osservare un certo “non so che” di socialismo reale.

L’ideatore della statua ? ovviamente il presidente della repubblica Wade, ormai celebre in tutta l’africa per la sua innata capacit? di impiegare soldi pubblici per imprese dispendiose inutili e stravaganti.

Per accedere alla statua c’? un enorme scalinata di circa 100 metri. Poi si pu? salire all’interno della statua e arrivare fino alla cima dove sar? presto piazzato un ristorante. Wade ? sicuro che questo mostro porter? nelle casse dello stato un sacco di soldi con le vagonate di turisti (forse nordcoreani) che faranno la coda per mangiare a prezzo maggiorato riso e pesce o riso, cipolle e pollo.

Commentando il “rinascimento africano” (questo ? il nome ufficiale dell’ecomostro) con i senegalesi, parlando di tutte le urgenze educative e sanitarie a cui si potevano destinare gli oltre 18 milioni di euro, mi sono imbattuto in una curiosa teoria sostenuta da diverse persone. “Con questa statua il Senegal sta finalmente diventando un paese sempre pi? Europeo… perch? non vorrai mica farci credere che in Italia tutti i soldi pubblici li investite in ospedali e in scuole?”

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy