UN TRISTE E FELICE ARRIVEDERCI


Purtroppo anche per questa esperienza ? arrivato il momento dei saluti. Durante Il viaggio in pullman per tornare alla Garderie abbiamo intonato le ultime canzoni insieme ai bambini, che questa volta avevano per? un suono diverso, triste e felice allo stesso tempo. Una volta tornati alla Garderie, i bambini di Dakar hanno aspettato che i loro genitori li venissero a prendere mentre noi abbiamo accompagnato quelli della baraccopoli a casa. Per tutti ? stato di forte impatto emotivo vedere una realt? che avevamo provato ad immaginare ma che alla fine non corrisponde a quello che avevamo pensato. Ancora prima di entrare ci hanno colpito le voci dei parenti e amici che salutavano con gioia i bambini appena tornati. Gli stessi erano contenti di vedere i propri cari. Per noi ? stato incredibile pensare come possano vivere la loro quotidianit? in un posto cos? stretto che quasi ti fa mancare l’aria: le case fatte di lamiere arrugginite, gomma e altri materiali riarrangiati sono tutte appiccicate, rendendo difficile anche il passaggio. Un altro aspetto che ci ha sorpresi ? stato il modo caloroso di accoglierci delle persone di tutte le et?, dai bimbi fino alle signore anziane che preparavano il miglio. Solo osservando il luogo in cui vivono abbiamo capito veramente quanto e perch? abbiano apprezzato in modo speciale la colonia. Tutte le cose che noi davamo per scontate, come per esempio la doccia, sono state delle novit? e dei grandi lussi. La tristezza dei bambini nel salutarci, accompagnata dalla dolcezza dei loro occhioni e sorrisi di questi giorni, rimarr? per sempre nei nostri ricordi pi? belli e allo stesso tempo saranno il pi? grande augurio per una vita felice e migliore.

Eli, Marta, Gio

Finita la riunione io eMaurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy