INIZIANO LE OLIMPIADI


Oggi ? stata una giornata  ricca di attivit? e di emozioni: finalmente abbiamo portato i bambini al mare! Erano giorni che aspettavano questo momento, dato che a ?Mbour abbiamo potuto stare in spiaggia solo dieci minuti. Alcuni bambini, inoltre, non avevano mai fatto il bagno al mare e non vedevano l?ora di tuffarsi. Per noi ? stato molto bello vederli giocare in acqua, costruire castelli di sabbia e giocare a pallavolo con i teli: stare con loro ci permette di apprezzare delle cose che solitamente diamo per scontate e il loro entusiasmo ci coinvolge a tal punto che anche per noi, ieri, ? stata come una prima volta. Nel pomeriggio, mentre aspettavamo che i volontari senegalesi terminassero i preparativi per le olimpiadi, abbiamo fatto costruire ai bimbi delle maschere di carta pesta che poi verranno colorate con le tempere. Per molti di noi l?attesa ? stata troppa: ogni tanto ci rendiamo conto che facciamo fatica ad abituarci alla mentalit? e alle tempistiche del loro modo di vivere. La cerimonia, programmata per il pomeriggio, ? iniziata alle otto di sera, sotto le prime goccioline di pioggia che preannunciavano un forte temporale durato tutta la notte. Nonostante tutto, per?, ? stato un evento davvero carino. I bimbi erano vestiti con le divise delle rispettive squadre, ossia Italia, Senegal, Brasile e Cina (!!!!???), tutti i ruoli delle figure di rappresentanza erano svolti da bambini e volontari ed ? stata recitata la cerimonia di apertura con tanto di fiaccola olimpica! Domani cominceranno ufficialmente i primi giochi.

Eli, Marta, Giorgia

Finita la riunione io eMaurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy