Play with fire


19/08/2015


Questa mattina ? stata dedicata nuovamente alle nostre attivit?. I momenti di confronto tra di noi, ci hanno portato a organizzare e gestire contemporaneamente tre laboratori senza alcun problema. Ci siamo resi conto che ormai i bambini hanno acquisito fiducia e confidenza verso di noi. Non ci vedono pi? solo come i grandi giocherelloni, ma come dei veri e propri punti di riferimento. Oltre che cercarci i bambini fanno di tutto per imitarci: indimenticabile Abdou Baye che si mangia le perline per emulare il piercing sulla lingua di Morgana!

Nel pomeriggi siamo andati nuovamente al mare, dove abbiamo deliziato tutti quanti con dei buffi tentativi di praticare il loro sport nazionale: la l?mb, una sorta di lotta greco-romana. Alla fine dei combattimenti risulta vincitore Giovanni, che, contro ogni aspettativa, atterra il maestro di nuoto, un palestrato alto 8m!

Dopo una chiacchierata con Amady, in cui abbiamo finalmente messo a nudo tutte le nostre emozioni e le nostre riflessioni sul campo, concludiamo la nostra giornata con balli e canti attorno al fal?. Si spegne il fuoco, ma il fuoco dentro di noi ? sempre pi? vivo e andiamo a dormire carichi per affrontare una nuova giornata.


Deni & Eli

Finita la riunione io eMaurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy