Per il momento si fa quello che si pu?.


Il suo cognome ? una garanzia. Amadou Top, il direttore del Comitato di controllo della Transizione dall?analogico verso il digitale(Contan), ? un funzionario dall?aria scaltra e dall?eloquio brillante. Tocca a lui rispondere alle mille critiche piovute durante la presentazione della TNT, l?ambizioso progetto di trasformazione della rete televisiva senegalese dal terrestre al digitale, lanciato in pompa magna con una conferenza stampa gioved? 17 giugno a seguito di un periodo di test tecnologici non meglio precisati.

Qualche giornalista cerca di sollevare qualche obiezione nei confronti del governo sull?opportunit? di occuparsi di questo progetto dispendioso (costato finora 39 miliardi di FCfa ? circa 60 milioni di euro che dovrebbero essere recuperati grazie alla vendita dei canali) e all?apparenza del tutto secondario di fronte alle croniche necessit? ed emergenze del paese.

A dirla tutta, il governo non sta attraversando un periodo di grande popolarit?. Persino il consueto rapporto pubblico dell?Ispezione Generale dello Stato appena diffuso mette in evidenza l?aumento esponenziale del livello di corruzione e di evasione fiscale delle principali imprese private e a partecipazione statale, di fronte ad un persistente livello di disoccupazione e di carenze in tutti i settori essenziali, sanit? ed istruzione in testa.  

Il direttore Top non si scompone e affronta la stampa con quelli che ritiene stringenti argomenti. ?Il Senegal si ? impegnato nel 2006 a Ginevra durante il GE06 a partecipare alla trasformazione della rete televisiva da analogica a digitale. Di tutti i paesi francofoni dell?Africa noi saremo i primi, mentre saremo il dodicesimo tra i 54 stati Africani?

Capita l?antifona i giornalisti pi? informati chiedono di approfondire alcuni dettagli tecnici. Top cerca di buttarla sulla necessit? di democratizzare la trasmissione televisiva aumentando la portata e quindi l?accesso e la formazione di nuovi network ma dopo un po? ? costretto ad abbondare le sue teorizzazioni per rispondere a questioni pi? terra terra.

A chi domanda quanti decoder saranno messi in vendita per permettere ai telespettatori di vedere la Tv digitale, Top risponde senza esitare 1.200.000, aggiungendo un sibillino ?per la prima fase?.

 ?E quanti decoder ci sono attualmente sul mercato?? chiede M.Gaye, giornalista dell?Observateur.

6000, risponde con un sorriso Amadou Top.

?Non sono un po? pochi?? lo incalza Gaye.

?Per il momento si fa quello che si pu??, risponde il direttore Top.

La conferenza stampa finisce cos?.

Maurizio Polenghi

Finita la riunione io eMaurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy