19 Novembre 2014 Diario Sparso


Mercoled?: la nostra giornata inizia sotto il caldo sole del Senegal. Stamattina ci siamo dovuti rimboccare le maniche, infatti, appena arrivati in asilo abbiamo raccolto nome e cognome dei bambini di seconda, terza e quarta elementare e abbiamo cominciato a fare foto a tutta birra!! I bambini non sembravano proprio entusiasti (bhe come dargli torto), vuoi per la timidezza vuoi per l?imbarazzo la maggior parte delle foto  non sono riuscite ad immortalare i fantastici sorrisi dei nani.
Finito questo lavoro (con i soliti cari amici imprevisti) ci riconsoliamo con il fantastico cibo della cuoca dell?asilo, Maimouna.
Al pomeriggio riprendono le lezioni. Decido di fare l?intrepida e partecipare alla lezione di arabo, ovviamente con scarsissimi risultati, facendo, per?, ridere di gusto i bambini (dai quali sono stata ripetutamente corretta).
La giornata si conclude con un giro nel mercato di Kermel, in centro a Dakar.
Amo particolarmente vagare per le vie di questa citt? (che conosco pochissimo), osservare quali sono le dinamiche, sentire i diversi odori e districarmi tra la folla e le macchine (che sembrano giocare a chi per prima colpisce un pedone)!
Con gli occhi un po? stanchi vi mando un grande abbraccio. Diana.      

Finita la riunione io e Maurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy