ConTAPtempi


Alcuni di voi staranno pensando “cosa diavolo devono scrivere ancora!Non sono mica tornati in Italia ?” Ebbene cari amici questa avventura indimenticabile ci riserva sempre grandi sorprese e non smette mai di stupirci ! Si parte dall’aeroporto di Dakar: qui tra lacrimoni e abbracci salutiamo Amadi e i monitori. Sorrisi e abbracci anche con il gruppo di Tunisair che contro ogni pronostico ci sfila davanti imbarcandosi prima di noi !Per il gruppo TAP invece il ritorno si fa pi? complicato.
I tempi senegalesi contagiano anche gli aerei che ci lasciano una giornata a Lisbona, ancora . Tra le vie di questa citt? sfila un gruppo di tubab che non spicca per la pelle bianca ma per il cuore nero . Scure diventano le nostre facce quanto l’efficientissima TAP ci comunica che la nostra Laura prender? un altro aereo . Noi Madrid, lei Zurigo . E dopo queste peripezie di aeroporti vari che ci tengono sempre uniti e ritardano con gratitudine il rientro , approdiamo nella grigia Milano . Speravamo almeno di regalarle un po’ di colori e profumi africani con il nostro Ibrahim , manghi e stoffe ma per loro non ? ancora giunto il momento del rientro ( Beati loro !) .
A presto amici della Garderie , sentirete ancora parlare di noi!
E&M

Finita la riunione io e Maurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy