Buon compleanno Elisa!


La giornata ? iniziata con una colazione da campisti a base di musica presabbene e cornetti per festeggiare Elisa . Anche i nani alla garderie hanno intonato un ‘ tanti auguri italiano’ alla festeggiata. Con canzoni e spiegazioni abbiamo capito quanto questo Paese investa sui bambini e , contemporaneamente, quanto noi abbiamo perso per strada alcuni di questi valori fondamentali.
Incredibile ma vero , finalmente il programma con i tempi africani ? arrivato . Abbiamo tanti appuntamenti in agenda… vi terremo aggiornati . 
Non va sempre tutto liscio: attimi di panico ! Per un’intera giornata la ‘ cassa comune ‘ era sparita . Abbiamo improvvisato una caccia al tesoro , ma quando tutto sembrava perduto ( so’ soldi ) Egle ha aperto lo zaino e voil? ! 
Noi tubab, Amady, Seydou e Samba siamo andati a cenare a Dakar , in un posto a pochi minuti di distanza dalla garderie ma completamente diverso: niente polvere e mangiar con le mani , ma tovaglie bianche, posate e vista oceano . Pi? simile a noi ma meno magico . 
Auguri , brindisi ad Elisa senza Ataja ( che prima o poi impareremo a fare )!
Ele U. & Micol

Finita la riunione io e Maurice abbiamo parlato con Fatou del campo di vacanza, essendo lei pratica di colonie estive; ci saranno attivit? in condivisione tra toubab (termine che significa bianco in wolof) e senegalesi, animazione, sport, piccole rappresentazioni teatrali e mille altre cose.
Dopo quest’incontro io, Maurice, Valentina e Samba siamo andati a salutare le persone che vivono nella baraccopoli di Medina (il quartiere dove abitano alcuni bambini dell’asilo).
In mezzo alle tante persone che vi vivono all’interno, ai sorridenti bambini, all’accoglienza delle donne, prendono vita in noi tanti pensieri, ma soprattutto tutto ci? che ci circonda, lo stare qui, l’asilo, la scuola, si vestono di nuovo valore, ed ? un’emozione che ci accompagna fino alla sera, fin dentro l’ultimo pensiero pesante e felice prima di addormentarci. Sono questi momenti, questi incontri a volte a fare la differenza, a regalarci quel qualcosa in pi? che ci si porta al ritorno da questi viaggi.

Eli&Vale

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy