A quattro giorni dalla grande festa di fine anno


Gi? dal secondo giorno comincia un po’ quella normalit? che rende tutto ancora pi? familiare; il primo ? quello dedicato ai grandi saluti, bentornati, come va in Italia e le famiglie come stanno.

Il secondo giorno inizi a respirare la quotidianit? dell’asilo, delle sue lezioni, degli intervalli, delle cuoche che cucinano; e tu cominci a sentirti parte di tutta questa grande famiglia.
Questa mattina io e Valentina, mentre Maurice era a fare delle commissioni, abbiamo girato un po’ per le classi, soffermandoci di pi? nelle classi di Seynabou, la grande section, con la quale abbiamo ripassato l’alfabeto in francese e quella di Fatou, la nuova insegnante della petite section, con la quale ho potuto assistere alle prove per la grande festa di fine anno.
Non abbiamo per? solo assistito, ma ne abbiamo preso parte in prima persona; siamo state invitate da Seydou a coprire due posti vuoti di due bambine che mancavano e cos? ci siamo ritrovate a ballare una danza africana cercando di imitare i loro inimitabili movimenti (con le grasse risate di tutti i presenti, comprese noi, ma soprattutto delle bambine).
Dopo pranzo siamo tornati alla casa nuova per prendere le misure insieme al costruttore edile che sta organizzando i lavori; la casa per ora ? molto fatiscente, piena di buchi, crepe, carta da parati tipica delle case senegalesi color ocra e marrone che ? per la maggior parte scolorita o strappata; ma, nonostante tutto questo, gi? si percepisce la bellezza di questa villa una volta che diventer? la GarderiEcole UnAutreMonde.
Tornati in asilo abbiamo salutato i bimbi tra solletici, sorrisi, strette di mano e ? a demain? che, finita la giornata scolastica, tornavano nelle loro case; e cos? siamo rimasti nell’asilo vuoto fisicamente, ma ancora e per sempre pieno di un amore e una gioia nell’aria quasi palpabile.
Dopo una cena di pesce, thiof e lotte pesci molto pescati qui in Senegal, siamo tornati in asilo per dormire e ricominciare domani una nuova giornata con un sorriso ancora pi? grande del giorno prima.

Eli

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy