Un’altra saggezza


Gioco ad “acchiapparello” durante l’intervallo nel cortile della Garderie. Muesly, una delle nostre prime allieve (abita nella baraccopoli di Medina) ritrae la mano di scatto, si ferma, mi dice che ha una ferita e me la mostra. Ha un dito con una grossa bolla causata da una scottatura. Deve aver appena sfiorato una delle pentole giganti con cui le mamme scaldano il miglio che raffinano. Premurosamente le dico “Devi prestare attenzione al fuoco”.Mi risponde pronta “Io sto attenta. E’ il fuoco che non presta tanta attenzione a me”…

Maurizio Polenghi

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy