12?giorno in Casamance


Una giornata di puro relax.

Dopo un’abbondante colazione siamo andati a farci il bagno in piscina ed Amady si ? dilettato in fantastiche nuotate aiutato da un salvagente. Io ed il nostro campione olimpico di apnea sott’acqua (varia dagli uno ai ben tre secondi) ci siamo fatti una bella passeggiata sull’immensa spiaggia che offre Kabrousse, incorniciata da una parte dal caldo e tranquillo oceano atlantico e dall’altra da una continua fila di gigantesche palme di cocco.

Dopo il pranzo, in cui non ci siamo fatti mancare nemmeno il dessert (ovviamente gelato al cocco), siamo andati a farci un bagno al mare; le emozioni che si provano qui sono indescrivibile e triplicate…stiamo passando momenti magici.

Dopo il bagno, abbiamo affittato un macchina per tornare a Ziguinchor, ma prima di tornare a casa di Fofana abbiamo fatto un piccolo giro nel centro di Cap Skirring.

Sulla strada del ritorno ci siamo fermati a fare benzina e ci siamo imbattuti nel Kankouran; ? una maschera tipica della Casamance che ha la funzione principale di riportare la pace nei villaggi, infatti viene invocato quando ci sono dei problemi tra gli abitanti.

Qui a Zinguinchor, Mao mi ha spiegato, che lo fanno soprattutto per raccogliere soldi dalle persone.

Domani ritorniamo in garderie, ci mancano un po’ i bambini e l’ataya di Samba!

Eli

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy