La grande festa di fine anno


Sabato, dalle sette di mattina, le aule dell’asilo sono gi? occupate per gli ultimi preparativi per la festa di fine anno scolastico. A differenza delle scorse edizioni, quest’anno i genitori degli allievi hanno partecipato in prima persona alla organizzazione, costituendo diverse equipe con funzioni diverse (raccolta sponsor, logistica, materiali, impianto sonoro, tensostruttura, sedie etc).

I risultati del “comitato festa” sono stati ottimi. Lo testimonia l’enorme tensostruttura che occupa per una lunghezza di quasi 50 metri  gi? da ieri la strada di fronte all’ingresso dell’asilo, le 150 sedie argentate, il palchetto su cui si esibiranno gli allievi (non molto a norma 626, per i miei occhi occidentali, assolutamente perfetto per quelli pi? pratici dei senegalesi), due enormi frigo pieni di bibite e succhi di frutta.
Il via vai ? addirittura frenetico man mano che l’orario dell’inizio della festa si avvicina (le 16.00), una mamma porta un numero imprecisato di bign?, mentre tutto il personale dell’asilo ripassa il ricco programma dell’evento. Verso le 15.00  sbarcano 4 enormi casse audio, un amplificatore, il mixer e un dj dall’aspetto apparentemente tranquillo. Due minuti dopo per tutto il quartiere di Gibraltar, fino agli inizi di Medina risuona una musica assolutamente  scatenata, selezionata abilmente dal dj.
E’ il primo inequivocabile segnale di richiamo…. alcuni allievi accompagnati dai genitori iniziano ad arrivare e a prendere posto.
Tutto il personale si veste a festa, con vestitoni tradizionali azzurri con ricami personalizzati. Verso le 16.30 la tensostruttura ? strapiena. Vicini al palco siedono composti i 75 allievi della Garderie Unautremonde tutti vestiti con un completo di tessuto wax coordinato. Qualche metro pi? in l? siedono i genitori e i fratelli pi? grandi. Si cercano altre sedie. La festa comincia.
Gli allievi si alzano in piedi, imitati da tutti, e cantano a squarciagola l’inno senegalese. Subito dopo il direttore Amadi Sonko prende la parola, ringrazia tutti e da’ il via al programma.
Tutte le classi, dagli allievi pi? piccoli (1 anno e mezzo) fino ai pi? grandi (gli allievi della seconda elementare) salgano sul palco insieme ai maestri recitando poesie, composizioni e canzoni.
Tutti applaudono estasiati, molti si commuovono.
Viene data la parola ad alcuni genitori del “comitato festa” che ringraziano tutto il personale dell’asilo per l’impegno e la qualit? del percorso educativo.
Prende la parola anche Awa Marie Coll Seck, la Ministra della Sanit? del Senegal. La figlia di sua figlia ? un’allieva dell’asilo e sottolinea brevemente l’unicit? dell’asilo, il suo progetto di integrazione educativa tra famiglie abbienti e meno abbienti, “un’incredibile realt?”.
Dopo lo sketch dell’attore Sanekh 2, continuano le esibizioni delle classi. Verso la fine la grande sorpresa. Prima gli allievi della prima e seconda elementare eseguono una danza sincronizzata con una musica mblax. Poi gli allievi della classe pi? grande dell’asilo, che si sono nel frattempo cambiati d’abito, eseguono a coppie uno spettacolo di danza salsa che termina con i maschietti che sollevano in braccio le loro compagne.
L’intera strada impazzisce. Tutti ballano e applaudono.
I bambini regalano ai genitori del comitato un cartoncino colorato con le loro impronte delle mani.
Si distribuiscono i dolci e le bevande. E ormai sera, la festa ? finita ma tutti continuano a restare sotto la tensostruttura. Nessuno vuole essere il primo ad andarsene.
 
 
 
 
 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy